Confronto dati DOMINA - INPS

Analisi differenze

Nel settore del lavoro domestico, i dati DOMINA offrono uno spaccato più approfondito rispetto ai dati INPS. I dati dell’Associazione, infatti, permettono di conoscere meglio la tipologia di contratto di lavoro utilizzato dalle famiglie, la convivenza o meno, le informazioni sulla retribuzione  e molto altro. Essendo riferiti ad un campione (pur molto ampio), non coincidono esattamente con la  fonte amministrativa.
Per riuscire a dare la giusta interpretazione dei dati, diventa dunque importante capire le principali divergenze. Vediamole insieme.

La prima analisi delle fonti evidenzia che i dati forniti dalle famiglie all'INPS in fase di assunzione sono indicativi, hanno un valore di media e molto spesso non riescono a fotografare la situazione nel dettaglio. Ad esempio, i dati INPS riportano solo la distinzione tra colf e badante, mentre la realtà del CCNL offre una varietà più ampia di posizioni. Di contro, i  dati di DOMINA, sono  analitici nello svolgimento del rapporto: malattia, ferie, maternità, straordinari, superminimi, etc.. Inoltre, l'analisi territoriale mostra una prevalenza del campione nel NORD-OVEST  e nel CENTRO a discapito delle altre aree. Questo è dovuto ad una forte presenza di lavoratori domestici nel Lazio (22,1%) e in Lombardia (27,8%).
Malgrado questo sbilanciamento, i dati DOMINA coprono tutto il territorio nazionale e la distribuzione dei  dati si avvicina molto a quella dell'INPS. Anche l'analisi della nazionalità dei lavoratori domestici porta lo stesso risultato. I valori sono simili con una minore presenza di italiani che può essere dovuta alla diversa tipologia di lavoratori. Questi hanno contratti più lunghi e quindi rientrano in misura minore in lavori occasionali domestici  utilizzati  dalle donne italiane  negli anni di crisi economica.

Sul genere si riscontra una lieve differenza: nei dati DOMINA sono maggiormente presenti lavoratori “uomini”: il 21% dei lavoratori domestici DOMINA è di genere maschile, contro il 12% dei lavoratori INPS. In ogni caso è netta la predominanza femminile in questo lavoro.
A livello di classe d'età non si hanno particolari differenze, l'età media è molto  simile: 46 anni per l'INPS e 45 per DOMINA. Dalla distribuzione delle classi d'età si evidenza come ci sia una quota maggiore di lavoratori DOMINA tra i 30 e 39 anni e minore tra i 50-59 anni, da cui un'età media leggermente  inferiore.
 

Differenze dal punto di vista contrattuale

Il primo dato da tenere in considerazione è che il 94% dei contratti DOMINA è a tempo indeterminato, valore non riscontrabile nei dati INPS che non danno informazioni sulla tipologia di contratto.
Riusciamo però a mettere a confronto la durata dei contratti. L'INPS ha un osservatorio annuale, ma il 54% dei lavoratori non arriva a completare l'anno. In  particolare, il 10% non supera i 2 mesi di contratto, percentuale simile al numero di lavoratori DOMINA che ha un contratto inferiore ad 1  anno.

Questi dati ci fanno capire la reale diversità dei lavoratori DOMINA rispetto a quelli INPS. L'INPS raccoglie tutti i dati di lavoratori domestici che hanno ricevuto almeno un versamento contributivo durante l'anno, quindi anche i lavoratori occasionali. La banca dati DOMINA è caratterizzata da lavoratori che hanno una continuità professionale. Si tratta di lavoratori fidati che proseguono negli anni la loro  attività.
Ad esempio, il 57% del campione lavora da oltre 5 anni. Le famiglie si rivolgono all'Associazione DOMINA anche quando il rapporto di lavoro è già iniziato, a seguito di una serie di esperienze finite male, o per farsi difendere in caso di vertenza di lavoro. I dati sono tratti dal Dossier DOMINA n.1, scaricabile gratuitamente sul sito.

Altri articoli

Raddoppiano le domande di regolarizzazione..

Dati emersione lavoro domestico 2020

In due settimane sono raddoppiate le domande di regolarizzazione per il lavoro domestico ma le.. Leggi tutto...

Nuovi dati INPS sul lavoro domestico

Ulteriore calo dei contratti regolari

L’INPS fotografa la situazione dei lavoratori domestici 2019. Secondo i dati aggiornati.. Leggi tutto...