Il caso della Germania

Dal dossier n.5

La Germania è uno Stato federale, suddiviso in diversi livelli di governo:
- Il livello nazionale (Bund), con competenze legislative generali;
- Il livello regionale (Länder), ovvero gli stati federati;
- Il livello locale si divide a sua volta in due: province (Landkreis) e le municipalità. Questa suddivisone fa sì che lo Stato dia le linee generali che verranno attuate dai Lander e gestite operativamente a livello locale e quindi ci sia una certa eterogeneità sui territori rispetto alle modalità di attuazione. La crescita del Welfare è andata di pari passo con il consolidarsi di un ordine istituzionale di tipo federativo. Questo è il contesto che spiega il nascere di un "modello associativo" di Welfare, un modello in cui tutti i livelli istituzionali concorrono insieme all'organizzazione e al sostenimento dello stato sociale4.
Il sistema tedesco è uno dei sistemi di welfare più antichi, introdotto dal cancelliere Bismarck, è incentrato su principi di tipo assicurativo, punta a proteggere chi lavora e la sua famiglia da rischi quali la malattia, l’invalidità, la disoccupazione. Nasce con l’intento di tutelare il lavoratore rispetto al rischio di venire escluso dal mondo del lavoro. Nel 1994 si aggiunge un’ultima assicurazione obbligatoria, quella della non autosufficienza, riconosciuta per la prima volta come un rischio sociale e quindi inserita all’interno degli schemi assicurativi.
Il sistema di welfare tedesco quindi si basa sulla distinzione fra “Assicurazione sociale” e “Assistenza sociale”. La prima concerne l'erogazione di prestazioni in base a regimi assicurativi finanziati con i contributi pagati dai cittadini. Ogni cittadino deve essere iscritto ad una assicurazione sociale (è prevista una copertura minima in caso di mancanze  di risorse personali) e vi contribuisce in base al reddito. Mentre l’assistenza sociale di base, è volta a garantire a tutti i cittadini un reddito minimo, è una forma di intervento prevalentemente selettiva rispetto alle condizioni di bisogno e residuale rispetto alla capacità di auto-soccorso individuale o familiare. Le prestazioni assistenziali coprono infatti prevalentemente i vuoti esistenti tra i vari schemi previdenziali.

Anziani/persone affette da patologie di fragilità
Il sistema di welfare assicurativo ha dei risvolti anche sulla gestione dei servizi alla persona e quindi sui collaboratori domestici: per fare un esempio, parte del lavoro di cura viene gestito dai sistemi assicurativi. In Germania le prestazioni per le persone che necessitano di assistenza a lungo termine (in uno stato di non autosufficienza) sono fornite secondo quanto previsto dal regime obbligatorio di assistenza a lungo termine. L’assicurazione per l’assistenza a lungo termine (XI libro del Codice sociale, Sozialgesetzbuch SGB XI) è un ramo indipendente della previdenza sociale che copre i rischi legati all’assistenza a lungo termine come avviene per l’assicurazione contro le malattie, gli infortuni, la disoccupazione e l’assicurazione vecchiaia. Chiunque sia coperto da un’assicurazione malattia obbligatoria (o privata) beneficia automaticamente e obbligatoriamente della copertura per l’assistenza a lungo termine. L’importo delle prestazioni di assistenza a lungo termine si basa non tanto sull’età e il reddito dell’interessato, quanto sul bisogno di assistenza certificato dal servizio medico dell’assicurazione malattia. Una volta accertata la non autosufficienza, il beneficiario, con i suoi familiari, predispone il proprio piano di cura insieme ai professionisti del fondo assicurativo sociale.
La prima scelta che l’assistito è chiamato a fare riguarda la possibilità di ricevere servizi (reali) oppure un ammontare equivalente di denaro sotto forma di assegno di cura. Il sistema dei benefit è costruito in modo tale da incentivare le famiglie e gli individui verso la scelta di servizi reali. Infatti, l’ammontare delle prestazioni varia, oltre che per livelli di gravità della non autosufficienza, anche per tipologia di prestazione ed è più basso nel caso della scelta del cash piuttosto che del servizio. L’erogazione dei servizi prevede sempre che ci sia una compartecipazione ai costi del servizio da parte dell’utente.

Servizi per la famiglia
Accanto alle prestazioni sanitarie abbiamo anche le prestazioni familiari; chiunque risieda in Germania ha diritto agli assegni familiari per i figli (Kindergeld), nonché a un assegno parentale (Elterngeld) per i propri figli, i figli adottati o per i figli del coniuge. Per le prestazioni familiari possono essere presi in considerazione anche nipoti e bambini in affido che vivono nello stesso nucleo familiare.
Gli assegni familiari per i figli spettano per tutti i figli fino al compimento del 18° anno di età, con qualche eccezione se disoccupati o studenti. L'assegno familiare viene erogato sotto forma di importo fisso pari a 184 euro per i primi due figli, a 190 euro per il terzo figlio e a 215 euro a partire dal quarto figlio in poi.
L’assegno parentale spetta alla madre e/o al padre, a condizione che i genitori vivano nello stesso nucleo familiare del figlio e se ne prendano cura personalmente. Il genitore che riceve questo assegno può svolgere un’attività lavorativa a tempo parziale fino a 30 ore settimanali. Esso viene corrisposto fino a quando il figlio compie 14 mesi. L'assegno parentale (Elterngeld) costituisce in linea di principio il 67% del reddito netto.

BUONA PRATICA: il Mini job
L’assistenza socio-sanitaria agli anziani o ai malati può rappresentare un lavoro a tempo pieno e, secondo il caso specifico, altamente qualificato, ricadendo per questo motivo sotto la normale legislazione del lavoro (Legge sull’Orario di Lavoro ArbZG, Legge sui contratti individuali art. 611 del BGB, leggi sulle ferie e la maternità); gli altri servizi “alle persone” rappresentano molto spesso lavori di tipo accessorio con un orario di lavoro ridotto e un reddito minimo (Mini job) . Generalmente in Germania con la locuzione servizi alla persona si intende l’insieme delle attività connesse al lavoro domestico, all’assistenza domiciliare socio-sanitaria agli anziani e/o ai malati, al giardinaggio e piccole riparazioni e lavori di manutenzione, al baby-sitting. In Germania nel lavoro domestico è notevole la presenza di lavoro nero, da una indagine alle famiglie commissionata dalla Deutsche Rentenversicherung Knappschaft-Bahn-See nel 2008 (KBS), quasi il 20% delle famiglie tedesche (circa otto milioni), ha impiegato in passato un lavoratore domestico in nero. Malgrado questo, l’introduzione dei Mini job con un regime fiscale speciale, la procedura semplificata per le comunicazioni obbligatorie ed il versamento dei contributi, ha fatto emergere ogni anno decine di migliaia di rapporti di lavoro. Per quanto riguarda le condizioni e i limiti, va ricordato che in Germania esistono due diverse tipologie di lavoro occasionale: il Mini job, con un reddito mensile fino a 450 euro, e l’altro di tipo accessorio (Kurzfristige Beschäftigung) che comprende dei limiti nelle giornate di lavoro (fino a 3 mesi circa). Il Mini job per il lavoro domestico a 450 euro si differenzia soprattutto per le attività che sono svolte dall’addetto nell’ambito familiare e per la registrazione ai servizi per l’impiego. Il datore di lavoro può detrarre dal proprio imponibile fiscale il 20% delle spese sostenute per il lavoro domestico, fino ad un massimo di 510 euro. Mini job a breve termine, chiamati anche occupazioni di breve durata, che fin dall’inizio sono limitate ad un periodo massimo di 3 mesi, o di 70 giorni lavorativi per anno civile. In questo caso il “Mini Jobber” non lavora continuativamente ma solo occasionalmente, e in questa tipologia l’importo delle remunerazioni non è rilevante. Per quanto riguarda la tassazione per i Mini job in abitazioni private, le tasse sono basse. I datori di lavoro pagano contributi forfettari per l'assicurazione sanitaria e la pensione, una tassa forfettaria e prelievi per compensare le spese in caso di malattia e la gravidanza/maternità e i contributi per l’assicurazione contro gli infortuni.

Altri articoli

Lavoro domestico

Il welfare State in Europa

Dal dossier n.5

Per Welfare State o “Stato del Benessere” si definiscono tutti gli interventi con cui.. Leggi tutto...

Lavoro domestico

Il contributo del lavoro domestico al PIL

Dal dossier n.6

Volendo analizzare il contributo del lavoro domestico al Prodotto interno lordo italiano (di.. Leggi tutto...