Comunità Ecuadoriana e lavoro domestico (video)

Intervista al console Saul Andres Pacurucu

A seguito della crisi economica che mise in ginocchio l’Ecuador sul finire degli anni ’90, Stati Uniti, Spagna e Italia si sono ritrovati ad accogliere i cittadini ecuadoregni in cerca di futuro: “molte di queste persone erano professionisti e hanno trovato difficoltà nella convalida dei titoli -spiega Saul Andres Pacurucu Pacurucu, Console della repubblica dell’Ecuador a Roma-, perciò l’occupazione più immediata è stata diventare lavoratori domestici”.
Il consolato ecuadoriano sostiene le iniziative volte ad accrescere le competenze e migliorare le condizioni dei propri connazionali in Italia che li annovera al 10° posto come comunità straniera per l’invio di rimesse: “nel 2019, gli ecuadoriani in Italia hanno inviato 147 milioni di euro in rimesse verso il proprio paese d’origine -informa il console Pacurucu-, auspicando nella possibilità che sia riconosciuta l’integrazione dei contributi versati qui con quelli maturati in Ecuador”.



Intervista realizzata da Marica Lamberti
Redazione Domina
08/07/2021

Altri approfondimenti

Maternità e genitorialità

Azione programmatica

Il parere di Emanuela Loretone, Filcams CGIL Filcams CGIL, Fisascat.. Leggi tutto...

Il lavoro domestico come mezzo di..

Testimonianza della comunita ecuadoriana

di Saúl Andrés Pacurucu Pacurucu, Console dell’Ecuador a Roma.. Leggi tutto...