Buone pratiche europee nel lavoro domestico

Il punto di vista di Claire Hobden

Da anni l'ILO documenta le buone pratiche nel lavoro domestico, come risorse per i paesi in tutto il mondo, per contribuire a rendere realtà un lavoro dignitoso per i lavoratori domestici. Abbiamo chiesto a Claire Hobden, funzionario tecnico dell’Organizzazione Internazionale del lavoro specializzato nel settore dei lavoratori a rischio, il punto della situazione in Europa.

Esistono buone pratiche a livello europeo nel lavoro domestico, sia a livello nazionale che locale?
L'Ue presenta sicuramente diverse buone pratiche quando si tratta di lavoro domestico. I contratti collettivi in Italia, Francia, Belgio, Svezia e Svizzera consentono di dar voce e rappresentanza sia ai lavoratori che ai datori di lavoro, fatto piuttosto raro in altre parti del mondo.

Il sistema francese di voucher di servizio ha mostrato alcuni risultati impressionanti nel regolarizzare il lavoro domestico e nel garantire che le disposizioni del contratto collettivo siano correttamente implementate e forniscano un incentivo fiscale alle famiglie. Le regolarizzazioni in Italia e in Spagna hanno consentito alle famiglie di accedere ai servizi precedentemente forniti in modo informale e hanno aiutato i lavoratori domestici e i loro datori di lavoro a uscire dal mercato nero per accedere alle tutele di legge. Nell'adottare un salario minimo nazionale, la Germania ha assicurato che i lavoratori domestici siano tutelati. In Irlanda, l'ispettorato del lavoro ha sviluppato strategie per garantire il rispetto della legislazione del lavoro rispettando la privacy della famiglia, scrivendo innanzitutto alle famiglie di chiedere il permesso di effettuare un'ispezione e di offrire un'opzione alternativa di incontrare il datore di lavoro e il lavoratore in una posizione neutrale.

Che contributo può dare un’Organizzazione di datori di Lavoro come l’Associazione DOMINA per garantire una corretta applicazione della Convenzione ILO 189 e per migliorare le condizioni del lavoro domestico?
Le organizzazioni di datori di lavoro domestico non sono molto diffuse nel mondo. Eppure, senza di loro, non esiste la possibilità di un dialogo sociale informato e rappresentativo, inclusa la contrattazione collettiva. Come in tutta la contrattazione sociale, la rappresentanza delle parti è fondamentale per garantire che le esigenze e gli interessi dei beneficiari delle politiche siano adeguatamente tutelati. Infatti, la Convenzione ILO 189 fornisce un quadro guida per i diritti e le responsabilità dei lavoratori domestici e dei loro datori di lavoro, come concordato dai lavoratori, dai datori di lavoro e dai governi nazionali.

L’applicazione a livello nazionale dipende molto da una rappresentatività efficace delle parti. Per questa ragione, la Convenzione ILO 189 invita gli Stati membri ad adottare politiche di lavoro nazionali in consultazione con le organizzazioni più rappresentative dei datori di lavoro e dei lavoratori e, ove esistenti, con organizzazioni rappresentative di lavoratori domestici e rappresentanti dei datori di lavoro domestico. Quando le politiche sono negoziate, le organizzazioni dei datori di lavoro come DOMINA possono svolgere un ruolo chiave sotto quattro aspetti:
  • garantire l'attuazione degli accordi,
  • aumentando la consapevolezza dei loro membri,
  • fornendo il sostegno ai loro membri per assicurare un chiaro percorso alla conformità
  • informando la classe politica sulle esigenze delle famiglie.

Altri approfondimenti

Differenze tra Nord e Sud Europa nel lavoro..

Intervista a Maria Gallotti

Maria Gallotti ha iniziato a lavorare presso l' ILO nel 2000, all’interno del programma.. Leggi tutto...

Lavoro domestico

Il lavoro domestico irregolare

Dati Istat e Ispettorato del lavoro

Secondo le stime dei Rapporti dell’ Ispettorato Nazionale del Lavoro (di seguito INL), il.. Leggi tutto...