Il Cura Italia dimentica colf e badanti

Lavoro domestico e COVID-19

Il decreto Cura Italia si è “dimenticato” di colf e badanti. L’emergenza fa venire a galla anche le questioni del lavoro nero e della regolarizzazione di colf e badanti straniere. Un coro unanime di voci richiede attenzione, la politica risponde.

Anche il lavoro domestico, come tutti i settori della società, è sconvolto dalla pandemia in corso nel nostro Paese, in Europa, nel mondo. Lavoratrici, datori di lavoro, associazioni, organizzazioni internazionali, economisti evidenziano problemi e opportunità, lanciano appelli alle istituzioni e alle famiglie, propongono soluzioni. E le istituzioni cominciano a rispondere.
“Questo settore coinvolge 4 milioni di persone tra datori e lavoratori – ricorda Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina – e consente allo Stato di risparmiare annualmente 9,7 miliardi sui costi per l’assistenza, circa lo 0,6% del Pil”.

L’Associazione DOMINA, assieme ad altre organizzazioni che rappresentano le famiglie dei datori di lavoro e i lavoratori del settore, ha incontrato il Ministro del lavoro Nunzia Catalfo per affrontare i problemi del lavoro domestico ai tempi del Coronavirus. “Abbiamo chiesto al ministro – racconta Gasparrini - che nel decreto d’urgenza sia abrogata l’esclusione dal sostegno al reddito dei lavoratori subordinati. L’inclusione nella cassa integrazione in deroga eviterebbe la perdita del lavoro per colf e badanti e allevierebbe le famiglie dal continuare a sostenere i costi del lavoro domestico non prestato”.
Soddisfacente, per le parti sociali, la risposta della Catalfo: “Nel decreto di aprile – spiega il ministro al termine dell'incontro – prevedremo una forma di ammortizzatore sociale per le lavoratrici e i lavoratori del settore, tutelandoli anche in caso di malattia o quarantena”. Già oggi, ha ricordato Catalfo, i datori di lavoro possono usufruire della sospensione dei versamenti previdenziali e assistenziali prevista dal decreto Cura Italia.

Il fronte dei datori di lavoro domestico, assieme alle principali sigle sindacali, si è mobilitato perché il settore, pur essenziale, non sembrava degno di tutele nonostante la crisi emergenziale. Filcams CGIL, Fisascat CISL, UILTuCS e Federcolf per i lavoratori, DOMINA e Fidaldo per i datori di lavoro, hanno formalizzano le loro richieste in un avviso comune indirizzato al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ai ministri Roberto Speranza, Nunzia Catalfo, Roberto Gualtieri, Elena Bonetti, e a Gianni Rosas, responsabile italiano ILO, l’Organizzazione internazionale del lavoro.

Gasparrini elenca le principali motivazioni che hanno spinto una così ampia rappresentanza del settore a muoversi unitariamente, a partire dalla violazione dei diritti costituzionali e dei trattati internazionali: “l’esclusione del lavoro domestico dai decreti di urgenza – afferma – ravvisa gravi profili di incostituzionalità, perché di fatto distingue tra cittadini di serie A e di serie B. Inoltre, le decisioni adottate sono in piena violazione della convenzione ILO C189, ratificata dall’Italia nel 2013”.


Redazione DOMINA
04/03/2020

Altri articoli

Violenza di genere in aumento da inizio..

Violenza domestica: cresce il rischio per le donne

Denunce cresciute in molti Paesi del mondo, a rischio anche il settore del lavoro domestico . In.. Leggi tutto...

Oltre 10 miliardi di fondi per famiglie e..

Nel PNRR la chiave per rilanciare il settore del lavoro domestico, secondo Pier Paolo Baretta.

Lavoro nero, riforma fiscale, fondi europei e nazionali per le famiglie: sono tre dei temi.. Leggi tutto...