Il welfare italiano pesa sulle famiglie

In attesa della riforma sulla non autosufficienza, ecco la mappa degli aiuti regionali.

In maniera simile a quanto già sperimentato sul fronte dei figli a carico (con l’introduzione, da marzo 2022, dell’Assegno Unico e Universale), nel 2022 è stato avviato l’iter per la riforma del sistema degli interventi in favore degli anziani non autosufficienti, che probabilmente vedrà la luce nel 2024. La legge delega è stata approvata dal governo Meloni in Consiglio dei Ministri lo scorso 19 gennaio, con alcune modifiche rispetto al testo approvato dal governo Draghi ad ottobre 2022. Il percorso prevede dunque il voto del Parlamento sulla legge delega e, successivamente, l’introduzione di nuove norme da parte del Governo. La riforma è prevista dalla Missione 5 Componente 2 del PNRR, (primo trimestre 2023: adozione della legge delega, primo trimestre 2024: approvazione dei decreti legislativi delegati), con gli obiettivi di semplificare l’accesso sociosanitario, definire progetti individualizzati che individuino e finanzino i sostegni necessari in maniera integrata, favorendo la permanenza a domicilio, nell’ottica della deistituzionalizzazione.

Come illustrato nel quarto Rapporto annuale sul lavoro domestico dell’Osservatorio DOMINA, attualmente la gestione dei costi per l’assistenza ricade principalmente sulle famiglie. La spesa dello Stato per Long Term Care è fornita dalla Ragioneria Generale dello Stato: la spesa totale nel 2021 è pari a 32,8 miliardi di euro (1,85% del PIL). La voce più consistente è data dalle indennità di accompagnamento, prestazioni monetarie erogate a invalidi civili, ciechi civili e sordomuti per un totale di 14 miliardi di euro. Secondo i dati INPS, nel 2022 sono state erogate 2,2 milioni di prestazioni, per un importo medio mensile di 501 euro. La seconda voce da considerare per la gestione della non autosufficienza è data dalle prestazioni sanitarie Long Term Care (LTC) che comprende l’insieme delle prestazioni sanitarie erogate a persone non autosufficienti che necessitano di assistenza continuativa. Per il 2021, la spesa è pari allo 0,77% del PIL. Infine la terza voce di spesa “gli interventi socio-assistenziali per le persone non autosufficienti” accoglie un insieme di prestazioni eterogenee, prevalentemente in natura, erogate a livello locale per finalità socioassistenziali rivolte ai disabili e agli anziani non autosufficienti. Per il 2021, la spesa pubblica relativa all’insieme delle prestazioni per LTC, di natura non sanitaria e non riconducibili alle indennità di accompagnamento, è stimata in 0,29 punti percentuali di PIL, ovvero 5,1 miliardi complessivi.





Esistono poi diversi altri fondi, a livello nazionale, per l’assistenza a persone non autosufficienti (Legge di Bilancio 2022): Fondo per le non autosufficienze (FNA), Fondo dopo di noi / fondo per l'assistenza alle persone con disabilità grave prive di sostegno familiare, Fondo per il sostegno del ruolo di cura e di assistenza del caregiver familiare, Fondo per la disabilità e la non autosufficienza, Fondo per il diritto al lavoro delle persone con disabilità, Fondo per la cura di soggetti con autismo, Fondo per l’accessibilità turistica delle persone con disabilità.

Vanno poi considerati l’assegno unico e universale per i figli a carico, che tiene conto anche di eventuali situazioni di disabilità dei figli, e il Bonus genitori single monoreddito o disoccupati, destinato a genitori single disoccupati o monoreddito in presenza di figli con disabilità. Inoltre, le singole Regioni stanziano risorse proprie per specifiche necessità delle famiglie con persone con disabilità. In questo senso, il Rapporto annuale sul lavoro domestico fornisce un’ampia e dettagliata panoramica. In particolare, quasi in tutte le Regioni sono presenti sussidi a sostegno delle famiglie con persone non autosufficienti o con disabilità. Si tratta generalmente di assegni o voucher che, in presenza di particolari condizioni, sostengono le famiglie per la gestione dell’assistenza a domicilio, favorendo la permanenza degli assistiti presso la propria abitazione.

In Lombardia, ad esempio, il bonus assistenti familiari è calcolato sulle spese previdenziali annue della retribuzione dell’assistente familiare. In Veneto, invece, il contributo può essere utilizzato per acquistare prestazioni di supporto e assistenza nella vita quotidiana. In altri casi, come in Emilia Romagna, per ricevere l’assegno di cura è sufficiente avere un anziano non autosufficiente all’interno del proprio nucleo familiare (un meccanismo simile è presente in Basilicata, ma riservato alle persone con disabilità gravissima). In altri ancora, come Toscana, Marche, Abruzzo e Campania, il contributo è esteso anche ai caregiver familiari.
Oltre ai sussidi finanziari, vi sono altri tipi di servizi che possono essere messi a disposizione delle famiglie da parte delle Regioni. In Lombardia e Piemonte, ad esempio, vi sono agevolazioni nel trasporto pubblico per le persone con disabilità e per i loro accompagnatori.

Un altro strumento che può rivelarsi utile alle famiglie è il registro regionale degli assistenti familiari, già presente in Valle d’Aosta e nel Comune di Roma. Questo strumento consente alle famiglie di avere un servizio certificato e qualificato a sostegno delle persone fragili, garantendo sicurezza e professionalità. Vi sono, infine, molte esperienze di successo a livello comunale, che possono essere considerate progetti pilota da estendere in altre realtà. Per citarne alcuni, segnaliamo lo “sportello badanti” di Monza, il progetto “Buon Vicinato” del Comune della Spezia, la copertura previdenziale per gli assistenti familiari nella Provincia autonoma di Bolzano, il sostegno ai caregiver familiari nel Comune di Reggio Calabria.

Secondo Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale DOMINA “Gli aiuti alle famiglie per la disabilità e la non autosufficienza sono ad oggi scarsi e frammentati. In attesa che la riforma prevista dal PNRR veda la luce, accogliendo parte delle richieste di DOMINA e delle Parti Sociali, sono oggi le famiglie italiane a farsi carico di una grossa fetta di welfare. Alcuni aiuti arrivano dalle risorse delle Regioni e dei Comuni, che l’Osservatorio DOMINA ha monitorato e mappato nell’ultimo Rapporto annuale. Importante, per favorire la permanenza delle persone non autosufficienti presso il proprio domicilio, coordinare e armonizzare questi interventi e potenziare le risorse disponibili”.


17/02/2023
Redazione DOMINA

 

Altri articoli

https://www.osservatoriolavorodomestico.it/admin/public/cms/1720104194_0.jpg

Lavoro domestico, settore da 42 miliardi di..

Anticipazione del Dossier europeo DOMINA

Il settore della cura e dell’assistenza in Europa sta vivendo un periodo di forti.. Leggi tutto...

https://www.osservatoriolavorodomestico.it/admin/public/cms/1720104535_0.png

834 mila lavoratori domestici in Italia...

Dati INPS

Secondo i dati INPS, i lavoratori domestici contribuenti all’INPS alla fine del 2023.. Leggi tutto...