Nuovi dati INPS sul lavoro domestico

Ulteriore calo dei contratti regolari

L’INPS fotografa la situazione dei lavoratori domestici 2019. Secondo i dati aggiornati dell’Istituto di Previdenza i lavoratori regolari sono 848.987, in calo rispetto all’anno precedente (-1,8%).
Osservando la distinzione per tipologia di mansione, si registra una modesta prevalenza di Colf (52%) sulle Badanti.
“Questo divario – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di Lavoro Domestico - si sta progressivamente assottigliando, visto il costante aumento di badanti (+0,6% dal 2018) e calo di colf (-3,8%)”.
Punti fermi nelle tendenze del settore restano la prevalenza di donne, dato che raggiunge il valore massimo degli ultimi 6 anni con l’88,7% del totale, e di lavoratori stranieri (70,3% del totale). Ancora una volta a farla ‘da padrona’ è l’Europa dell’Est con oltre 300mila lavoratori (40,9%).
A livello regionale il primato per la concentrazione maggiore di lavoratori resta anche quest’anno alla Lombardia con 155.063 lavoratori (18,3%), seguita dal Lazio (14,5%), dall’Emilia Romagna (8,8%) e dalla Toscana (8,7%). In queste quattro regioni si concentra più della metà dei lavoratori domestici in Italia.
Dati inps
Ancora una volta però i dati INPS fotografano solo parzialmente la situazione del settore nel nostro Paese. “La diminuzione dei lavoratori domestici (-15.733 unità) – afferma Lorenzo Gasparrini – non corrisponde a quanto monitoriamo sul territorio, infatti, la richiesta di lavoratori e informazioni per le assunzioni è molto alta”.
A conferma del riscontro territoriale ci sono i dati sulle regolarizzazioni pubblicati dal Viminale. Il 91% delle domande di regolarizzazione (21.695) e il 76% delle richieste in lavorazione (5.906), riguarda il settore del lavoro domestico.
Tuttavia, secondo le stime dell’Osservatorio Nazionale DOMINA sul lavoro domestico, nell’anno 2020, al netto delle regolarizzazioni si prospetta un ulteriore calo. Complice della riduzione dei contratti regolari sono in primis la paura del contagio e poi c’è il taglio sulle spese familiari post emergenza. Per ripristinare almeno in parte il bilancio familiare, colpito dagli effetti della pandemia, infatti, le famiglie stanno rinunciando a colf e baby-sitter.
Le soluzioni adottate dalle famiglie sono principalmente tre: riduzione delle ore richieste al lavoratore domestico, totale interruzione del rapporto di lavoro o mancata dichiarazione del rapporto all’INPS, nella speranza, errata e pericolosa, di risparmiare sui costi del lavoro domestico.



Redazione DOMINA
24/06/2020



 

Altri articoli

Sicurezza sul lavoro per colf e badanti:..

Pandemia e lavoro nero aggravano la situazione

Le organizzazioni datoriali e i sindacati impegnati in campagne di prevenzione e informazione... Leggi tutto...

Colf e badanti certificate e preparate..

La formazione EBINCOLF per la prevenzione del contagio

Coronavirus e lavoratori domestici: formazione e prevenzione EBINCOLF, dal 2015, ha offerto.. Leggi tutto...