Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico dell'Osservatorio DOMINA

Statistiche su risvolti economici e sociali

Il Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico dell'Osservatorio DOMINA esamina i risvolti economici e sociali del settore. L'emergenza sanitaria ha portato un aumento del fabbisogno di assistenza da parte delle famiglie e durante il lockdown si è registrato un boom di assunzioni.
Il testo, pubblicato da DOMINA, è realizzato con la collaborazione scientifica della Fondazione Leone Moressa.

Nel video di presentazione del Rapporto Annuale 2020 vengono ripercorsi i principali dati emersi dall'analisi effettuata nel report. Tra i temi più caldi abbiamo il COVID-19, i dati sugli illeciti rilevati dall'Ispettorato Nazionale del lavoro, le richieste di bonus durante il lockdown dello scorso anno, etc.

Per visualizzare il video è possibile cliccare sull'immagine.



ll Centro studi fondato da DOMINA presenta, con questa seconda pubblicazione, una visione d’insieme della situazione del lavoro domestico e, attraverso l’analisi qualitativa e quantitativa, esamina i risvolti sociali ed economici del settore a livello locale, nazionale e internazionale.
 

I principali dati del lavoro domestico

Gli 849 mila lavoratori domestici regolari portano oggi un gettito fiscale di 1,5 miliardi di euro. Se tutti i lavoratori domestici, compresi gli irregolari, fossero in regola, il gettito fiscale arriverebbe a 3,6 milioni annui.

Nel 2019, come rilevato nel Rapporto Annuale,  le famiglie italiane hanno speso 15,1 miliardi di euro per i lavoratori domestici (retribuzione, contributi, TFR). Questo rappresenta per lo Stato un risparmio in termini di welfare e assistenza di oltre 10,9 miliardi.

Il report approfondisce anche il tema della Sanatoria 2020: la regolarizzazione inserita nel Decreto Rilancio (DL 34/2020) ha visto 177 mila domande di emersione di lavoratori domestici (85% del totale). Questo ha portato nelle casse dello Stato oltre 100 milioni di euro.
Con il lockdown è stato registrato un boom di assunzioni di lavoratori domestici: oltre 50 mila nel mese di Marzo, +58,5% rispetto al 2019. Inoltre, sono state effettuate 1,3 milioni di richieste di bonus baby sitter (per un importo potenziale di 1,7 miliardi) e nel I semestre 2020 sono stati movimentati quasi 270 milioni di euro attraverso il Libretto Famiglia (quasi 20 volte in più rispetto al 2019).

Nel COMUNICATO STAMPA di presentazione del Rapporto Annuale è presente una sintesi dei dati del report con le relative tabelle. Il testo integrale del Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico può essere scaricato gratuitamente. Vi invitiamo a consultare i grafici dinamici e le schede regionali che più vi interessano.

Redazione DOMINA
18/01/2021

Altri articoli

Assegno Universale Unico

Dopo l’infanzia, anche la non autosufficienza?

L'assegno unico universale per l'infanzia La legge 46 del 2021, di iniziativa.. Leggi tutto...

Festa della Mamma, diritti non uguali per..

Per le lavoratrici domestiche esiste solo la maternità obbligatoria.

Come ricordato nel PNRR (Missione 5, Coesione e inclusione), la conciliazione tra lavoro e.. Leggi tutto...