Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico dell'Osservatorio DOMINA

Statistiche su risvolti economici e sociali

Il Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico dell'Osservatorio DOMINA esamina i risvolti economici e sociali del settore. L'emergenza sanitaria ha portato un aumento del fabbisogno di assistenza da parte delle famiglie e durante il lockdown si è registrato un boom di assunzioni.
Il testo, pubblicato da DOMINA, è realizzato con la collaborazione scientifica della Fondazione Leone Moressa.

Nel video di presentazione del Rapporto Annuale 2020 vengono ripercorsi i principali dati emersi dall'analisi effettuata nel report. Tra i temi più caldi abbiamo il COVID-19, i dati sugli illeciti rilevati dall'Ispettorato Nazionale del lavoro, le richieste di bonus durante il lockdown dello scorso anno, etc.

Per visualizzare il video è possibile cliccare sull'immagine.



ll Centro studi fondato da DOMINA presenta, con questa seconda pubblicazione, una visione d’insieme della situazione del lavoro domestico e, attraverso l’analisi qualitativa e quantitativa, esamina i risvolti sociali ed economici del settore a livello locale, nazionale e internazionale.
 

I principali dati del lavoro domestico

Gli 849 mila lavoratori domestici regolari portano oggi un gettito fiscale di 1,5 miliardi di euro. Se tutti i lavoratori domestici, compresi gli irregolari, fossero in regola, il gettito fiscale arriverebbe a 3,6 milioni annui.

Nel 2019, come rilevato nel Rapporto Annuale,  le famiglie italiane hanno speso 15,1 miliardi di euro per i lavoratori domestici (retribuzione, contributi, TFR). Questo rappresenta per lo Stato un risparmio in termini di welfare e assistenza di oltre 10,9 miliardi.

Il report approfondisce anche il tema della Sanatoria 2020: la regolarizzazione inserita nel Decreto Rilancio (DL 34/2020) ha visto 177 mila domande di emersione di lavoratori domestici (85% del totale). Questo ha portato nelle casse dello Stato oltre 100 milioni di euro.
Con il lockdown è stato registrato un boom di assunzioni di lavoratori domestici: oltre 50 mila nel mese di Marzo, +58,5% rispetto al 2019. Inoltre, sono state effettuate 1,3 milioni di richieste di bonus baby sitter (per un importo potenziale di 1,7 miliardi) e nel I semestre 2020 sono stati movimentati quasi 270 milioni di euro attraverso il Libretto Famiglia (quasi 20 volte in più rispetto al 2019).

Nel COMUNICATO STAMPA di presentazione del Rapporto Annuale è presente una sintesi dei dati del report con le relative tabelle. Il testo integrale del Secondo Rapporto Annuale sul lavoro domestico può essere scaricato gratuitamente. Vi invitiamo a consultare i grafici dinamici e le schede regionali che più vi interessano.

Redazione DOMINA
18/01/2021

Altri articoli

Badanti in Italia

L’Est Europa è una risorsa per il lavoro domestico.

I cambiamenti sociali in corso negli ultimi decenni hanno determinato la crescente.. Leggi tutto...

Lavoro domestico maschile

Il lavoro domestico maschile

I Dati INPS sul lavoro domestico.

I lavoratori domestici maschi nel rapporto ILO Nell’immaginario  collettivo, .. Leggi tutto...