Statistiche: CCNL lavoro domestico

Più lavoratori che datori in alcune regioni; in lieve calo il lavoro irregolare

Il lavoro domestico in Italia ha ormai assunto una dimensione di tutto rilievo, sia da un punto di vista numerico che per l’importanza economica e sociale. L’Osservatorio DOMINA sul lavoro domestico monitora costantemente il peso e l’impatto sia dei lavoratori che delle famiglie datori di lavoro. Secondo i dati INPS, nel 2020 i lavoratori domestici sono 920.722. Nello stesso periodo, invece, i datori di lavoro sono 992.587. Il fatto che i datori di lavoro siano più dei lavoratori dipende dal fatto che ciascuna famiglia può impiegare anche più di un lavoratore, contemporaneamente o nell’arco dell’anno.
Dunque, l’INPS certifica che il lavoro domestico coinvolge, tra lavoratori e datori, quasi 2 milioni di persone. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che il beneficiario dell’assistenza non sempre coincide con il datore di lavoro (basti pensare, ad esempio, ai servizi di baby-sitting): pertanto, il numero di persone coinvolte è sicuramente ancora più alto. Va poi precisato che questi numeri si riferiscono solo alla componente regolare registrata dall’INPS.
Sappiamo però che, nel lavoro domestico, più della metà dei lavoratori non è assunto regolarmente (secondo l’Istat, il tasso di irregolarità nel settore è del 57,6%) [1]. Ciò significa che i 920 mila lavoratori domestici regolari rappresentano poco più del 40% di quelli effettivamente presenti in Italia. In base a questi dati, possiamo stimare che i lavoratori domestici totali siano 2,17 milioni. Allo stesso modo, mantenendo invariato il rapporto lavoratori/datori, arriviamo a stimare 2,34 milioni di datori di lavoro complessivi. In definitiva, dunque, il settore arriva a coinvolgere oltre 4,5 milioni di persone, tra lavoratori e datori.

Stima lavoratori e datori di lavoro domestico

Dai dati INPS è inoltre possibile analizzare alcune caratteristiche dei lavoratori e dei datori di lavoro.  Tra  i  920  mila  lavoratori,  si  ha  una  netta  prevalenza  di  donne  (87,6%).  Per  quanto  riguarda  la provenienza, il 48,5% viene da Paesi extra-UE e il 20,3%  da Paesi Ue (complessivamente gli stranieri rappresentano poco meno del 70%), mentre gli italiani rappresentano il 31,2%. Tra  i  datori  di  lavoro,  la  composizione  di  genere  è  più  equilibrata,  con  il  57,1%  di  donne  e  il  42,9%  di uomini. Per quanto riguarda la provenienza, invece, il 94,9% dei datori di lavoro è di nazionalità italiana; gli extracomunitari sono il 2,7% e i comunitari il 2,4%.

Lavoratori e datori di lavoro domestico per nazionalità e genere

Mediamente, in Italia, nel 2020 vi sono 93 lavoratori domestici ogni 100 datori di lavoro. In 6 regioni su 20 si registrano più lavoratori che datori: il rapporto maggiore è in Valle d’Aosta, con 107 lavoratori ogni 100 datori. La media più bassa è invece nel Lazio, con 79 lavoratori ogni 100 datori di lavoro.

Lavoratori e datori di lavoro domestico per regione

Secondo Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, “sono oltre 4,5 milioni le persone coinvolte nel lavoro domestico, tra lavoratori e datori di lavoro. Considerando  che la componente irregolare rappresenta ancora quasi il 60% del totale, la sfida per il settore è favorire l’emersione del lavoro nero. Questo porterebbe una maggiore tutela dei diritti dei lavoratori e dei datori e una maggiore tranquillità nella gestione del rapporto di lavoro. Inoltre porterebbe un vantaggio concreto per lo Stato, che vedrebbe aumentare il gettito fiscale e contributivo.”.

Redazione DOMINA
27 Luglio 2021
………….............….
[1] Cfr. Rapporto annuale Osservatorio DOMINA, CAP. 3.3
[2] La stima dei lavoratori irregolari viene calcolata utilizzando il tasso di irregolarità fornito dall’Istat per il settore “attività di famiglie e convivenze

 

Altri articoli

Quasi un milione i lavoratori domestici nel..

Incremento di 18mila unità

Nell’anno 2021 i lavoratori domestici contribuenti all’Inps sono quasi un.. Leggi tutto...

Assegno Universale Unico

Dopo l’infanzia, anche la non autosufficienza?

L'assegno unico universale per l'infanzia La legge 46 del 2021, di iniziativa.. Leggi tutto...