Lavoro domestico, settore non (più) solo al femminile

Oltre 120 mila domestici "maschi" in Italia.

Il lavoro domestico è storicamente visto come un’attività prettamente femminile, tanto che nel linguaggio comune si tende a declinare al femminile “le colf” e “le badanti”. Tuttavia, come sottolineato dall’Osservatorio DOMINA, negli ultimi anni è aumentata la componente maschile in questo settore, in particolare nelle province del Sud come, per esempio, Palermo e Messina, dove circa il 30% dei collaboratori familiari (Colf) sono uomini.
In Italia, i dati INPS certificano l’evoluzione del lavoro domestico maschile negli ultimi anni.
Il trend dei lavoratori domestici maschi risulta in declino costante dal 2013 al 2019; nel 2020, però, si registra un importante aumento, raggiungendo nel 2021 un’incidenza del 15,3% sul totale. L’andamento subisce nuovamente una diminuzione nel 2022, tornando ai livelli del 2014.



Ma chi sono questi lavoratori? Dai dati dell’Osservatorio DOMINA sul lavoro domestico emerge come si tratti principalmente di addetti alle pulizie, giovani e stranieri. In numero assoluto sono oltre 121 mila i lavoratori domestici maschi presenti, ovvero il 13,6% dei domestici totali. Nell’80% dei casi di tratta di lavoratori stranieri.
Tra questi lavoratori domestici è prevalente la mansione di colf rispetto a quella di badante, dove invece le donne hanno un’incidenza maggiore. La retribuzione annua media è più bassa rispetto a quella delle lavoratrici femminili, probabilmente anche per la minore presenza di badanti, che svolgono più ore e quindi hanno una retribuzione maggiore.
Un ulteriore elemento di riflessione è dato dalla distribuzione per classe d’età. Secondo i dati INPS elaborati dall’Osservatorio DOMINA, l’età media dei lavoratori maschi è di 44,0 anni contro i 50,5 anni della componente femminile.



Ad essere particolarmente interessante è l’aspetto territoriale di questo fenomeno. L’incidenza maschile, mediamente dell’13,6% a livello nazionale, raggiunge il 23,1% in Sicilia, il 17% in Calabria e quasi il 19% Campania. In quasi tutte le Regioni gli uomini sono impiegati prevalentemente come Colf; in controtendenza Sardegna, Basilicata e Molise, dove gli uomini svolgono prevalentemente mansioni di cura alla persona.

La prima provincia con la maggiore incidenza di domestici maschi è Palermo (28,2%), dove i domestici maschi sono quasi 4 mila e rappresentano il 3,0% del totale dei lavoratori maschi. Principalmente questi lavoratori sono impiegati come Colf (82,1%). In questo caso si tratta nella maggior parte dei casi di addetti alla pulizia con cittadinanza straniera.
L’incidenza supera il 22% in altre 4 province del Sud: Messina (27,1%), Napoli (23,4%), Catania (22,7%) e Reggio Calabria (22,3%). In queste prime 5 province lavorano più di 14 mila addetti domestici, ovvero l’11,6% di tutti i lavoratori domestici maschi. È interessante sottolineare come, negli ultimi due anni, nella provincia di Bergamo i lavoratori domestici maschi siano aumentati notevolmente, tanto da diventare la sesta provincia d’Italia per incidenza lavoratori domestici maschi; inoltre questo settore nel Bergamasco, è dominato per il 92,5% da stranieri. Se nel 2019 erano circa mille i lavoratori maschi, nel 2022 sono 2.700.
La mappa, che riporta l’incidenza percentuale dei lavoratori domestici maschi per provincia, evidenzia come in molte province del Sud, seppur con qualche eccezione, il fenomeno sia piuttosto significativo.





In molte altre province, invece, il lavoro domestico maschile è quasi inesistente: Rovigo, con solo 150 operatori maschi, è la provincia con l’incidenza più bassa di lavoro maschile nel settore domestico. Lo stesso ad Udine dove su oltre 9 mila lavoratori domestici solo 525 sono di genere maschile.
La presenza di Colf di genere maschile in queste province a bassa incidenza di lavoratori domestici “maschi” non è predominante. Sembra che sia presente meno personale maschile, ma più specializzato verso l’assistenza personale. Anche l’incidenza di stranieri tende a diminuire annullandosi quasi ad Oristano (7,7% lavoratori domestici maschi stranieri).




Secondo Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA, “sebbene il lavoro domestico sia tuttora in gran parte gestito da donne – in Italia come nel resto del mondo – la componente maschile è tutt’altro che marginale, soprattutto in alcune realtà territoriali. È importante quindi tenerne conto quando si affronta il tema: “i colf” e “i badanti” sono figure professionali con caratteristiche molto diverse rispetto a quelle femminili, e necessitano quindi di servizi e tutele particolari.


Redazione DOMINA
14/08/2023

 

Altri articoli

Decreto Flussi 2024. Oltre 112 mila..

Solo 9.500 ingressi consentiti

Il Decreto Flussi è il principale strumento della politica migratoria in Italia,.. Leggi tutto...

La gestione del Contratto Nazionale del..

Spunti dalla banca dati DOMINA

Uno dei punti di forza dell’Osservatorio DOMINA sul lavoro domestico è, fin.. Leggi tutto...